Feeds:
Articoli

Archive for the ‘Storia della Chiesa’ Category

E’ stato pubblicato il 18 agosto 2015 un mio articolo divulgativo sul sito www.europamediterraneo.it . Parlo della processione del Crocifisso detto “U Signuri longu” a Castroreale in Sicilia. Anche le fotografie che accompagnano l’articolo sono mie.

Clicca sull’immagine per leggere.

U Signuri Longu - 2006

Read Full Post »

E’ stato pubblicato proprio alla fine del 2013 il volume contenente gli atti del convegno incentrato sulla figura del Cardinale Giuseppe Guarino, tenutosi a Messina il 16 e il 17 marzo 2012. Tra i tanti contributi, contiene anche un mio piccolo lavoro dal titolo “Gli stemmi araldici dell’arcivescovo Giuseppe Guarino” (pagg. 507-511).

copertina Atti Convegno Guarino

Il Cardinale Giuseppe Guarino e il suo tempo. Chiesa, movimenti, istituzioni civili nella Sicilia di fine Ottocento. Atti del convegno di studi, 16-17 marzo 2012 (a cura di C. Magazzù e G.G. Mellusi). ISBN 978-88-87617-56-6

Read Full Post »

E’ stato pubblicato nel gennaio scorso sulla rivista  “Il servo di Dio Card. Giuseppe Guarino. ATTUALITA’ DI UN MESSAGGIO” (n° 3-4 2012, pp. 14-15) un articolo divulgativo sullo stemma araldico del Presule. Ci tengo a precisare , come tra l’altro specificato anche nel contenuto dell’articolo, che si tratta soltanto un’esposizione in forma divulgativa e semplificata di parte dei risultati di un mio breve studio araldico che sarà pubblicato negli Atti del Convegno sul Cardinale Giuseppe Guarino.

Di seguito l’articolo, si consiglia la visione a schermo intero:

Read Full Post »

Articolo pubblicato su Nebrodi Network il 25 maggio 2012 in cui espongo quanto accaduto in un convegno da me moderato il 22 aprile 2012 a San Piero Patti. 

Read Full Post »

Articolo pubblicato su Zancleweb il 22 gennaio 2012 che riguarda il rapporto tra Annibale Maria di Francia e la poesia

annibaleUn aspetto della personalità di Sant’Annibale Maria di Francia spesso sottovalutato o tenuto in poco conto è quello relativo alla sua attività poetica. E’ vero che questa passa nell’immaginario comune in secondo piano rispetto alle opere caritative e alle virtù cristiane esercitate dal canonico messinese, ma è pur vero che costituisce anche un elemento importante della sua formazione culturale e religiosa.
In un libro di poesie dal significativo titolo di «Fede e Poesia», pubblicato a Oria nel 1926, presso la Tipografia Antoniana dell’orfanotrofio da lui fondato, lo stesso Padre Annibale in una breve prefazione spiega il suo rapporto con la poesia ed espone i punti fermi della sua poetica.
Raccontava come fin dall’età di nove anni avesse cominciato a comporre versi e che egli stesso ritenesse questo suo interesse ereditato dal padre (che non conobbe mai perché morto quando lui aveva appena due anni) che aveva studiato i classici e aveva anche scritto poesie, e dalla madre che possedeva un buon gusto poetico. All’età di sedici anni ebbe come insegnante il poeta messinese Felice Bisazza che giudicava pari ai più grandi poeti moderni, distinguendo a quel  punto i poeti “moderni” dai “contemporanei”, coloro che hanno per capofila Carducci. Ed è proprio contro la poetica di Giosuè Carducci che il poeta Annibale Maria di Francia scaglia la sua critica, scriveva infatti: (altro…)

Read Full Post »

Recensione di un libro di Giuseppe Campagna su Sciglio e i Santi Cosma e Damiano, pubblicata su Zancleweb il 19 ottobre 2011.  

copertina Sciglio e i Santi Cosma e DamianoIl 21 settembre scorso, a Sciglio di Roccalumera nei locali della Parrocchia è stato presentato il libro  “Sciglio e i Santi Cosma e Damiano – Storia, fede, tradizione” di Giuseppe Campagna. Si tratta di un libro degno di essere segnalato ai lettori di questo sito per diversi motivi.
Prima di tutto si tratta di uno studio condotto con passione da un giovane storico con già alle spalle una solida formazione e con davanti a sé ampi margini di miglioramento. La passione e l’interesse verso i luoghi natii rendono ancora più interessante l’argomento, trattato anche con metodo e precisione che danno al libretto la dignità di un lavoro scientifico. A questo va aggiunto il fatto che il libro è stato stampato a spese dell’autore, senza quindi alcuna certezza di guadagno a dimostrazione che né le istituzioni né le case editrici investono abbastanza sui giovani ricercatori preferendo spesso la ristampa di vecchie opere di storia locale che si basano su studi di eruditi antichi, studi molto spesso smentiti dai documenti d’archivio.
Come specificato dal prof. Francesco Paolo Tocco dell’Università di Messina, nella sua prefazione al libro, “si tratta di un lavoro di microstoria, non di semplice storia locale, perché l’autore ha accuratamente evitato di riportare alla rinfusa voci incontrollabili e enfatizzazioni provincialistiche, limitandosi a ricostruire solo ciò che gli era consentito dalla documentazione superstite […]. Ma è un lavoro microstorico soprattutto per la capacità dimostrata dall’autore nella contestualizzazione su più ampi sfondi storici della piccola vicenda di un piccolo centro […].” (pag. 7). E’ appunto il metodo con cui è stato scritto il piccolo testo di appena 143 pagine a renderlo affidabile. Degna di rilievo è l’ampia utilizzazione di documenti d’archivio che l’autore trascrive con abilità, riportando la traduzione dal latino in nota, dando quindi anche un taglio divulgativo al suo lavoro che può essere fruito da ogni tipo di lettore. (altro…)

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: